STING

 :: ARTI :: Musica :: Artisti

Pagina 5 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Ospite il Gio 29 Lug 2010, 13:22


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Delilah il Sab 02 Ott 2010, 12:19

Sting classico: "Ai miei figli dico
successo non fa rima con felicità"


L'ex Police che compie 59 anni e arriva in Italia per un tour di quattro date a partire dal 25 ottobre a Firenze. "Il pubblico ti segue se non lo deludi. Poteva abbandonarmi quando ho lasciato i Police, invece è ancora qua"

dal nostro inviato GIUSEPPE VIDETTI


Symphonicity Tour, Sting con la Royal Philharmonic Orchestra (Ginevra, 26 settembre)
GINEVRA - Oggi compie 59 anni. «Niente festa di compleanno», dice Sting rilassandosi al lume di candela nel camerino dell'Arena di Ginevra, un'ora prima di salire in scena. È la 55ª tappa del tour Symphonicity, che prevede quattro appuntamenti italiani, il 25 ottobre a Firenze, il 2 novembre a Milano, il 3 a Torino e il 10 a Roma. «Vorrei aggiungere almeno una data in un palasport», riflette, «i biglietti sono volati via in una settimana e il disco in Italia ha venduto quasi 50 mila copie, bel risultato». Un'avventura presuntuosa sulla carta, assolutamente godibile in concerto, che lo vede sul palco con la Royal Philharmonic Orchestra diretta da Steven Mercurio, dopo la pubblicazione dell'omonimo album (ed. Deutsche Grammophon) in cui reinterpreta in chiave sinfonica classici dei Police e della sua carriera solistica.

È duro l'approccio con l'orchestra? Richiede più disciplina?

«Disciplina è una parola che mi piace. L'orchestra all'inizio era un'entità astratta, avevamo paura di non riuscire a penetrare gli uni il mondo dell'altro. Ora è la mia band. Quanti bravi compositori e interpreti hanno avuto la chance di esibirsi con un'orchestra sinfonica per un anno intero? Non molti. Sarei un pazzo se non mi considerassi fortunato».

Spostamenti, fusi orari, cambiamenti climatici; come fa a tenersi in forma?

«Mi riguardo. Mangio poco, medito molto, non faccio cazzate. Disciplina. Sono molto vanitoso. Omnia vanitas: non voglio rinunciare alla linea, al ventre piatto al viso che tutti conoscono, e che comincia a piacere anche a me».

È difficile per una leggenda del pop fare scelte ardite senza rischiare di scontentare <blockquote>Mia figlia sta per debuttare. Ha fatto tutto da sola, non ha seguito uno solo dei miei consigli</blockquote> i fan?

«Da quando i Police si sono sciolti ho sempre deciso senza pormi troppi problemi. Il pubblico ti segue se non lo deludi. Avrebbe potuto abbandonarmi quando lasciai il gruppo, invece è ancora là fuori».

La reunion dei Police, due album di musiche antiche, ora un tour con le vecchie canzoni. Non si starà mica impigrendo come compositore?

«Pigro io? Sacrilegio! Andando in là con gli anni, scrivere diventa più difficile: hai più filtri, una maggiore consapevolezza, un livello superiore di autocritica. Quando sei giovane, come i miei figli, scrivi d'istinto, pretendi che tutto quel che fai sia buono. Mi rivedo nell'entusiasmo di Joe (ora in tour con la sua band, i Fiction Plane, ndr), nell'ispirazione torrenziale di Coco (pubblica a novembre l'album d'esordio, The Constant, col nome di I Blame Coco, ndr). Invecchiando, il processo rallenta, ma la qualità migliora».

Ha ascoltato il disco di sua figlia? È una dura, dice di non approvare il vostro stile di vita ostriche e champagne.

«È fantastico. Pop duro. Mi piacciono le sue dolcissime intrusioni di chitarra. Oddio, mica tanto dolci, ma io sono suo padre, per me sono confetti. Ha deciso tutto da sola, non ha seguito uno solo dei consigli che le ho dato. Ora i giornali cercano di spingere l'immagine della punk, della figlia ribelle. Non c'è niente di vero, è tenera e affettuosa».

Quasi tutti i suoi figli stanno tentando la scalata al mondo dello spettacolo. La cosa crea qualche trepidazione in lei e sua moglie Trudy?

«Siamo rassegnati. Nonostante abbia trascorso una vita a metterli in guardia dalle insidie dello show business, ci sono dentro fino al collo. Due musicisti, due attrici e una regista. Mi resta la speranza che Giacomo, il più piccolo, faccia l'avvocato. A Joe e Coco ho sempre detto, se volete fare musica, pensate prima di tutto al vostro piacere. Non partite con l'idea di diventare famosi e fare soldi, concentratevi sul bene che la musica fa alla vostra anima, altrimenti il rischio di finire male è altissimo. Siamo fieri di Coco, ma siamo pur sempre i suoi genitori. Vogliamo che sia felice. E sappiamo che felicità e successo non corrono nella stessa direzione».

E poi l'industria della musica non naviga in buone acque...

«Sono anni difficili per il pop. Pare che il meglio appartenga al passato. Una crisi d'idee… ma non è la stessa crisi che stiamo attraversando a livello filosofico, religioso e politico?».

Le classifiche sono ostaggio dei talent show, le vendite scemano.

«X-Factor usa gli stereotipi del pop per creare false aspettative. Non c'è niente di più dannoso per un giovane che essere definito il nuovo Sting o il nuovo Elton John o la nuova Beyoncé. Non ho mai sentito nessuno di quei "giudici" dire, cerca di essere unico, di lasciare il segno. Ma chi sono quelli per giudicare? Chi li ha abilitati a giudicare? È una cosa completamente falsa, vecchia. Televisione. La musica è un'altra cosa. Io in tv guardo solo il calcio: Fiorentina e Newcastle».

La decisione di suonare in Uzbekistan, un paese dove i diritti umani vengono calpestati, ha suscitato scalpore (anche per il compenso, oltre un milione di euro). Gli editorialisti inglesi si sono scatenati, soprattutto davanti alla foto che ritrae Sting a una sfilata di moda cheek to cheek con Gulnara Karimova, la figlia di un presidente accusato, tra l'altro, di sfruttare il lavoro minorile.
Non ha pensato che questo potesse gettare discredito sulla sua lunga storia di attivista?

«È vero, l'Uzbekistan è un paese che si beffa dei diritti umani. Ma non mi risulta che sia soggetto a un embargo culturale come, all'epoca, il Sudafrica. Se questo avvenisse, la società uzbeka diventerebbe più paranoica, più aggressiva nei nostri confronti. Arte, giornalismo, imprese, circolazione delle idee - e io credo nel potere della musica - sono tutte cose che fanno bene ai paesi con regimi totalitari. Quanto alla Karimova, probabilmente sarà lei a governare il paese un giorno, ed è molto più sensibile di suo padre alla cultura. E allora perché no? Lasciamo le porte aperte».

In futuro ancora musica antica?

«Ho in mente uno spettacolo teatrale basato su The Soul Cages (l'album del 1991 scritto in seguito alla morte del padre, ndr). Sta passando la mentalità che la musica deve essere gratuita, meglio esplorare nuovi territori, perché magari l'anno prossimo il disco sarà scomparso».

(02 ottobre 2010)


http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2010/10/02/news/sting_classico-7636844/?ref=HREC2-6
avatar
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 105
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Ospite il Lun 20 Dic 2010, 19:12

Sting a Che tempo che fa 19 dicembre 2010


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Ospite il Lun 20 Dic 2010, 19:15

Che tempo che fa 19 dicembre 2010


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Ospite il Lun 20 Dic 2010, 19:22

Che tempo che fa 19 dicembre 2010


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Ospite il Lun 20 Dic 2010, 20:14

anna ha scritto:Sting a Che tempo che fa 19 dicembre 2010
love love love

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Ospite il Mer 09 Mar 2011, 22:37

grazie camila bacio

Little Wing Sting & Gil Evans orchestra Umbria jazz festival 1987

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Ospite il Mer 09 Mar 2011, 23:09

sting a poznan (polonia) 20.09.2010 era anche l'inaugurazione di nuovo stadio per euro 2012



le foto "Sting in Poznan":
http://www.flickr.com/photos/53631668@N05/sets/72157625004674900/

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Delilah il Mer 07 Set 2011, 23:09

Non sapevo che Sting e Zappa avevano suonato insieme

avatar
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 105
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Delilah il Mer 05 Ott 2011, 01:54

Auguri a Sting

avatar
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 105
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Delilah il Dom 20 Mag 2012, 02:50

La natura di Sting: "Ascoltate
la musica della campagna"

Così il cantante è stato sedotto dall'Italia: "Amo il paesaggio toscano e l'estetica della vostra terra. Vivere nel verde ti insegna a pensare"

di GIUSEPPE VIDETTI

L'ARIA E' CALDA, tempo di infradito e abiti leggeri. Sting, barba lunga e capelli in disordine, ha lasciato in camerino il guardaroba che usa per il tour, tutto Balmain e Ann Demeulemeester, e indossa una t-shirt su un pantalone in jersey con coulisse di James Perse. Al Palagio - la villa con 300 ettari di bosco e terreno agricolo a Figline Valdarno che ha acquistato nel 1997 per sette miliardi di vecchie lire da Simone Velluti Zati, duca di San Clemente - l'artista conduce una vita parallela. È il suo buen retiro, il luogo dove ha scritto alcune delle pagine più belle della carriera post-Police. Qui si è ritirato con il liutista Edin Karamazov per incidere l'album Songs from the Labyrinth, antiche canzoni del compositore John Dowland; qui, in un rigido e nevoso dicembre, ha visto la luce If on a winter's night, il disco natalizio del 2009; qui, l'11 settembre del 2001, tenne un concerto per amici e pochi fan subito dopo aver appreso dell'attacco alle torri.

"La mia love story con l'Italia è iniziata molto prima del Palagio", racconta Sting, che ha compiuto 60 anni lo scorso ottobre. "Già nel 1990 avevamo una casa nella frazione di Migliarino, in provincia di Pisa, dove è nata mia figlia Coco. Fui sedotto dal cibo, dalle donne, dal paesaggio, da Puccini (ecco perché ha chiamato Giacomo il più giovane dei suoi figli) e Corelli. Mi piace l'estetica italiana, l'opposto esatto di quella inglese". Sting ha case sparse in tutto il
mondo, compreso un castello elisabettiano a Salisbury, nel Wiltshire, un cottage nel Lake District, a nord dell'Inghilterra, un appartamento a New York, una villa sulla spiaggia di Malibu, due appartamenti a Londra e diverse proprietà nei Caraibi; è uno dei dieci uomini più ricchi dell'industria musicale britannica con un capitale di oltre 200 milioni di euro. Il ruolo del castellano gli si addice quanto quello del contadino.

"Per la verità ero più bravo a fare il lattaio a Newcastle", scherza. "Cerco di seguire il lavoro nei campi e di imparare, ma non è facile. Ho trascorso molto tempo al Palagio negli ultimi dieci anni con mia moglie e i nostri quattro figli, più che in qualsiasi altra delle mie residenze. È un posto che fa bene all'artista. Ci sono voluti vent'anni per trovarlo. Ci ha sedotto per la sua semplicità, una villa con piccole stanze, dove ci siamo sentiti subito a casa. Gli unici lussi che ci siamo concessi sono una piscina, una foresteria e uno studio di registrazione, per il resto abbiamo lasciato tutto com'era". Tornerà a suonare in Italia a luglio; quattro le date del Back to Bass Tour: il 10 a Padova, il 12 a Molfetta, il 13 a Taormina e il 15 a Perugia. Poi ancora qualche concerto in Europa e ad agosto sarà al Palagio per tutto il mese. "Mi godo il silenzio", dice scrutando la vallata. "Porto a spasso i cani - io ne ho uno, mia moglie Trudie dieci - coltivo ortaggi, cammino nel bosco per ore, a volte non rientro neanche per pranzo. Mi piace osservare la routine stagionale dei contadini. Io non so fare molto, ma mi piace raccogliere le olive. Lo considero molto terapeutico, richiede pazienza, costanza; è la cosa più utile alla mente che abbia imparato dopo la meditazione. Ho provato a vendemmiare, troppo faticoso, ci vogliono mani robuste, ho più di sessant'anni ormai...".

Se non fosse rivelata in mille biografie, l'età di Sting sarebbe indefinibile. È magro e agile, tonico ma non esageratamente palestrato. Merito della disciplina, dello yoga, forse anche del sesso tantrico di cui ha esaltato le proprietà terapeutiche, ma soprattutto dell'alimentazione sana. Da Trudie e Sting si mangia sano e si mangia bene. Joe Sponzo, il cuoco del Connecticut che da quasi vent'anni è lo chef personale dei Sumner, il cognome di Sting, usa solo ingredienti provenienti da agricolture biologiche per preparare i piatti ispirati alla cucina regionale. In tavola salumi di cinta senese, formaggi dop, miele d'acacia, verdura dell'orto, vini - che portano il nome di celebri canzoni dell'ex Police: il Sister Moon ("prodotto seguendo i principi biodinamici") o When We Dance ("un Chianti suadente") - e olio fatto in casa; poca carne e niente dolci, a meno che non ci siano ospiti. I vicini parlano un gran bene dell'agricoltura biologica che la celebre coppia ha messo in moto (sulle bottiglie d'olio extravergine è bene in vista il marchio Sumner). "Abbiamo cominciato a vendere olio e vino, prima in Inghilterra, ora anche in America. Da quasi due anni tutti prodotti sono disponibili anche in un punto vendita interno", conferma Sting.
Per celebrare l'attività solistica che ormai lo impegna da un quarto di secolo, Sting ha pubblicato il cofanetto antologico 25 Years: The Definitive Box Set Collection che contiene anche un app per iPad la cui realizzazione è costata un milione di dollari.

"Credo di aver fatto un buon lavoro", riflette. "In attesa che la nuvola del digitale si dilegui e la musica torni in primo piano, mi è sembrata una buona idea indugiare sui classici. I Police mi hanno dato la celebrità, il privilegio che mi consente di fare quel che più mi piace. Ora, dopo il tour con l'orchestra sinfonica, sono tornato a suonare il basso con un piccolo gruppo, e nel frattempo sto reclutando il cast per una pièce teatrale a sfondo autobiografico. Spero che almeno la colonna sonora sia pronta per Natale. Sto facendo la stessa scelta di Dylan, un neverending tour, suonare, suonare, suonare. Ho tenuto circa quattromila concerti, mica scherzi... magari morirò sul palco. O magari di vecchiaia al Palagio. Se così sarà - tocco ferro - sarà un dolce morire".

http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2012/05/19/news/sting_campagna-35436659/?ref=HREC2-15
avatar
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 105
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Delilah il Lun 08 Lug 2013, 16:31

Dal Corriere del Veneto di ieri

A Verona domani sera canzoni e note con il mitico «basso Fender», nel tour per i 25 anni di carriera
La magia di Sting in Arena


Quanto amore c'è in un basso elettrico che ha attraversato trentacinque anni di musica? Tantissimo. Almeno per Sting, che dopo anni di tournée orchestrali con il «Symphonicity Tour» (nel 2011 in piazza San Marco a Venezia) ha voluto imbracciare di nuovo il suo Fender Precision degli anni Cinquanta, con cui suona dai tempi dei Police, e intraprendere il «Back to bass tour» che, domani sera, arriverà all'Arena di Verona (ore 21, info 045/8039156, biglietti disponibili di gradinata non numerata alle casse areniane).
Un basso, quattro corde di legno naturale su cui Gordon Matthew Thomas Sumner, in arte solo Sting (61 anni), ha scritto alcune pagine della storia del pop-rock, cinque album dei Police colorati di un nuovo reggae bianco (melangiato di rock e punk), e ancora altri dieci dischi da solista. Sting ha già suonato in Arena. Il primo concerto risale al 6 maggio del 1988, live talmente denso d'emozioni da finire bootleggato e, oggi, ancora in commercio nei canali del collezionismo sotto il nome di «Verona '88».
Poi il bassista-cantante aveva avuto l'Arena tutta per sé anche il 9 giugno del 2004, per la tournée legata al suo «Sacred Love». Sting, domani in Arena, arriverà con una band formata dal fedele chitarrista Dominic Miller, il tastierista David Sancious (fino al 1974 membro dell'E Steet Band di Bruce Springsteen), Vinnie Colaiuta (batterista tra i più versatili di sempre, ha suonato con Frank Zappa ma anche con Jeff Beck, Herbie Hancock, Duran Duran e Christina Aguilera), il violinista elettrico Peter Tickell e la corista Jo Lawry, impegnata nei cori e come seconda voce. Compositore, cantante, autore, attore e attivista, Sting, 61enne di Newcastle, dopo il periodo Police dal 1985, ha scelto la carriera solista pubblicando, tra live e dischi in studio, qualcosa come tredici album.
La voglia di imbracciare il suo basso Fender, l'ha riscoperta proprio nella celebrazione del venticinquesimo anniversario della sua carriera solista, per la quale ha pubblicato il cofanetto «25 Years», tre cd e un dvd, e l'album «The Best of 25 Years». Un modo per fare i conti con il passato e guardare al futuro. Questo ha permesso all'artista di completare il progetto «The last ship» che uscirà, dopo tre anni di lavoro, il 23 settembre in tutto il mondo. Il nuovo album è legato al musical che sarà portato a Broadway nel 2014, e, come dice una nota della Universal che pubblicherà il disco, «esplora i temi centrali del ritorno a casa e della scoperta di sé stessi, rievocando i ricordi della sua infanzia all'ombra del cantiere navale della Swan Hunters, a Wallsend».
Prova molto attesa dai fan di Sting che aspettano un vero nuovo album dal 2003, da quel «Sacred love» a cui è seguito solo «Songs from the labyrinth», rilettura della musica del compositore elisabettiano John Dowland (2006), If on a winter's night, dedicato all'inverno (2009), e l'album sinfonico «Symphonicities» (2010).
In Arena non si ascolterà niente Barocco, niente canzoni di Natale e niente arrangiamenti orchestrali. La scaletta di domani sarà rock. Punto e basta. E si declinerà in 19 canzoni che sono state hit mondiale schizzate in alto nelle classifiche di mezzo mondo. E non stiamo parlando solo del periodo solista (da Englishman in New York a Fields of gold, passando per If I ever lose my faith in you), ma anche della gloriosa epoca de The Police (Message in a bottle, Every little thing she does is magic e Every breath you take).
Tra l'altro, per i duri e puri della musica del «pungiglione più famoso del mondo», sarà una bella notizia sapere che i brani del periodo Police saranno oltre un terzo della scaletta dell'intero concerto.

 

perché io non sono là??? xkè xkè xkè
avatar
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 105
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Delilah il Ven 13 Set 2013, 12:49

Sting, And Yet: il nuovo singolo dall'album The Last Ship

'And Yet' è il primo singolo di Sting estratto dal nuovo album 'The Last Ship' e sarà in rotazione radiofonica dal 13 settembre


Anche Sting vuol dire la sua in questo 2013 che vede il ritorno di tante vecchie glorie, da Cher a Rita Pavone. L'ex Police ha già pubblicato il lyrics video del nuovo singolo 'And Yet', che sarà in radio dal 13 settembre.
Il brano anticipa il nuovo album'The Last Ship' (la tracklist la trovi a fondo pagina), l'undicesimo in studio per il cantautore inglese che nonostante in carriera abbia messo da parte già 16 Grammy non ha alcuna intezione di ritirarsi dalle scene.
Il disco, in uscita il 24 settembre 2013 ma già ordinabile su iTunes, arriva a 10 anni di distanza da 'Sacred love' ed è il frutto di quasi 3 anni di lavoro in cui Sting ha attinto ai suoi ricordi per ricordare la chiusura dei cantieri navali di Wallsand, alla periferia nord di Newcastle dove è nato e cresciuto.
Infatti 'The Last Ship' è un concept album che esplora i temi del ritorno a casa, della scoperta di sé, del passare del tempo, dell'importanza della famiglia e della comunità. E per l'occasione l'autore si è avvalso della collaborazione di artisti con radici nel nord-est dell'Inghilterra, tra cui Brian Johnson degli AC/DC, Jimmy Nail, The Unthanks, The Wilson Family e Kathryn Tickell.
La versione standard sarà composta da 12 tracce, ma ci saranno anche un'edizione deluxe (due dischi per un totale di 17 brani) e una super deluxe (anche in questo caso due dischi per 20 pezzi).

Sting - The Last Ship tracklist

  1. The Last Ship
  2. Dead Man's Boots
  3. And Yet
  4. August Winds
  5. Language Of Birds
  6. Practical Arrangement
  7. The Night The Pugilist Learned How To Dance
  8. Ballad Of The Great Eastern
  9. What Have We Got? (featuring Jimmy Nail)
  10. I Love Her But She Loves Someone Else
  11. So To Speak (featuring Becky Unthank)
  12. The Last Ship (Reprise)






Ma quanto amo quest'uomo?  love love love
avatar
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 105
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Cristy il Ven 13 Set 2013, 17:24

Delilah ha scritto:Sting, And Yet: il nuovo singolo dall'album The Last Ship

Ma quanto amo quest'uomo?  love love love
Anch'io! love love love 
Mi sa che, considerando il tuo nickname, abbiamo almeno tre amori in comune! bacio
avatar
Cristy
mengonella
mengonella

Messaggi : 5560
Data d'iscrizione : 20.05.12
Età : 42
Località : Firenze

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da ajna il Sab 25 Gen 2014, 14:39


L'unica volta che vidi Sting in concerto fu a Genova, in mezzo ai container  :uhm: , era il 4 maggio 1988, tappa del Nothing like the sun Tour... certo all'Arena sarebbe stato assai più suggestivo, ma meglio così, all'aperto in mezzo ai container, che nel Padiglione 1 della Fiera del Mare dall'orrida acustica...
Ricordo ancora con piacere questo bis finale in cui cantò Caro mio ben :



ma ovviamente rimasi colpita al cuore dalla versione acustica di Message in a bottle  brividi  brividi , qui poco più di un mese dopo al concerto tributo per il 70mo compleanno di Mandela a Wembley




Niente da dire, un grande, quelli che nascono con la classe embedded inside...  love 


avatar
ajna

Messaggi : 3357
Data d'iscrizione : 20.09.13
Località : Genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Sole69 il Sab 25 Gen 2014, 15:02

@ajna  amò 
Che bello, quello che hai proposto!!!  cuoricino 
tra l'altro, mi riporta indietro, ad un'altra stagione della vita ... quella dei 33 giri, la musica su vinile (io ogni tanto prendo tra le mia mani The Dream of The Blue Turtles ...)  sereno
avatar
Sole69
mengonella
mengonella

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 10.10.13
Età : 47
Località : Bari

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da ajna il Sab 25 Gen 2014, 15:13


Sole, Sting e i Police hanno segnato l'adolescenza della nostra generazione, decisamente...

Vogliamo parlare delle gite di classe di noi del classico a cantare "Solone, solone"...  risata risata risata risata 



avatar
ajna

Messaggi : 3357
Data d'iscrizione : 20.09.13
Località : Genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Sole69 il Sab 25 Gen 2014, 15:24

sisi  Io attendevo con impazienza - al pomeriggio -il momento di un programma Rai per ragazzi (erano i primi anni Ottanta) perché c'era come sigla Every Little Thing She Does Is Magic, con una animazione simpatica e dall'atmosfera onirica  occhiolino
avatar
Sole69
mengonella
mengonella

Messaggi : 2230
Data d'iscrizione : 10.10.13
Età : 47
Località : Bari

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da ajna il Sab 25 Gen 2014, 15:38


Mamma mia, mamma mia sto entrando nel minitunnel dei ricordi policiani.... adoro questo loro ricorrere spesso alla ritmica in "levare":



Quando in qualche post su Solo 2.0 parlavo di imprinting adolescenziale, di distinguere il suono gli strumenti, ecc.. mi riferivo a loro in particolare... Musica basica ma indimenticabile... Il predominare del basso... e poi cosa non faceva Stewart Copeland...  love love 
avatar
ajna

Messaggi : 3357
Data d'iscrizione : 20.09.13
Località : Genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Cristy il Sab 25 Gen 2014, 20:09

Che bello!
Quanti bei ricordi. Anch'io ho consumato vinili, musicassette e cd dei Police e di Sting.
@Sole: The dream of the blue Turtles!  cuoricino Ma quanto è bella Russianslove

Domanda: qualcuna di voi ha sentito per intero The last Ship? Ho letto opinioni contrastanti e non so se acquistarlo o no.
avatar
Cristy
mengonella
mengonella

Messaggi : 5560
Data d'iscrizione : 20.05.12
Età : 42
Località : Firenze

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da ajna il Sab 25 Gen 2014, 20:31


Cristy, non lo seguo assiduamente e quindi anche quest'ultimo disco non l'ho ancora ascoltato.. nonso , ma credo che in seguito a questo trip di oggi mi metterò a riascoltare tutta la discografia dal 1978 ad oggi...  risata risata risata 

Di The dream of the blue turtles, più che Russians, fui fulminata da quelle più jazz, come la bellissima Moon over Bourbon street o Consider me gone, che mi pare non sia nel topic, quindi la posto sereno



Che meraviglia, che atmosfera...  bravo Era tanto che non riascoltavo! love  love  love 

Dell'album successivo, Nothing like the sun, idem... ADORO Englishman in New York:



Tra l'altro noto oggi che già in tempi non sospetti mi piaceva tantissimo uno con una voce che non si può definire propriamente calda e profonda...  risata risata 
avatar
ajna

Messaggi : 3357
Data d'iscrizione : 20.09.13
Località : Genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Cristy il Sab 25 Gen 2014, 20:41

ajna ha scritto:
Cristy, non lo seguo assiduamente e quindi anche quest'ultimo disco non l'ho ancora ascoltato.. nonso, ma credo che in seguito a questo trip di oggi mi metterò a riascoltare tutta la discografia dal 1978 ad oggi...  risata risata risata 

Di The dream of the blue turtles, più che Russians, fui fulminata da quelle più jazz, come la bellissima Moon over Bourbon street o Consider me gone, che mi pare non sia nel topic, quindi la posto sereno

[...]

Che meraviglia, che atmosfera...  bravo Era tanto che non riascoltavo! love  love  love 

Dell'album successivo, Nothing like the sun, idem... ADORO Englishman in New York:

[...]

Tra l'altro noto oggi che già in tempi non sospetti mi piaceva tantissimo uno con una voce che non si può definire propriamente calda e profonda...  risata risata 

Grazie ajna!  bacio 
Comunque amo anche io tutte le canzoni che hai citato. Moon over Bourbon street  è l'altra mia preferita dell'album.
Io adoro la vocalità di Sting.
avatar
Cristy
mengonella
mengonella

Messaggi : 5560
Data d'iscrizione : 20.05.12
Età : 42
Località : Firenze

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Delilah il Sab 25 Gen 2014, 21:29

...e Bourbon Street con Chris Botti?  love    

avatar
Delilah

Messaggi : 17979
Data d'iscrizione : 12.05.10
Età : 105
Località : Milano

http://www.accauno.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da ajna il Sab 25 Gen 2014, 21:39


Mamma mia, Delilah, ne ho sentito solo l'attacco perché ora non ho tempo, ma...  brividi lo sentirò domani, grazie!  bacio 

Nel trip pomeridiano ho invece risentito questo pezzo "policiano" riarrangiato per Bring on the night, doppio live che possiedo... eeeehhh...  love 

avatar
ajna

Messaggi : 3357
Data d'iscrizione : 20.09.13
Località : Genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Cristy il Dom 26 Gen 2014, 11:04

ajna ha scritto:
Mamma mia, Delilah, ne ho sentito solo l'attacco perché ora non ho tempo, ma...  brividi lo sentirò domani, grazie!  bacio 

Nel trip pomeridiano ho invece  risentito questo pezzo "policiano" riarrangiato per Bring on the night, doppio live che possiedo... eeeehhh...  love 


Anche io ho quel doppio live!!! Bello!
Io sono rimasta impigliata nella rete di Sting non all'inizio della sua carriera, ma quando ho incontrato l'album "The soul cages" (che possiedo in versione vinile, musicassetta e cd, tanto per non farsi mancare niente!).
Da lì in poi ho recuperato i lavori precedenti e mi sono fatta una bella collezione. Ultimamente però l'ho un po' trascurato...chissà per colpa di chi?!??!  scusa Ma ogni tanto torno ad ascoltarlo.

Vi lascio questi dall'album sopracitato, se qualcuno non li conosce:

The Island of Souls


The Soul Cages


Credo che l'ultimo lavoro The last ship, sia in qualche modo legato a questo album, o sbaglio?
avatar
Cristy
mengonella
mengonella

Messaggi : 5560
Data d'iscrizione : 20.05.12
Età : 42
Località : Firenze

Tornare in alto Andare in basso

Re: STING

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 :: ARTI :: Musica :: Artisti

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum